DAN MARKER-MOORE: TIME SLICES

Dal 2013, il fotografo professionale e motion graphics Dan Marker-Moore ha monitorato il passare del tempo nelle città di tutto il mondo attraverso Time slices, collage creati dalla fusione digitale di decine di singole foto catturate a minuti e addirittura ore di distanza. Con ogni striscia che rappresenta un punto diverso nel tempo, le immagini grafiche ben illustrano il passaggio dal giorno alla notte attraverso le sfumature, movimenti sottili, e il tremolio delle luci della città non appena scende il buio. Marker-Moore utilizza un treppiede e un sacco di pazienza per documentare bellissimi paesaggi urbani, i splendidi colori di un sole al tramonto, o la luna crescente.

Ho fatto abbastanza quando posso stare in un luogo e visualizzare quello che sarà simile a un intervallo di tempo in una posizione”, Marker-Moore spiega il suo processo. Spesso cattura fino a 1.000 foto in un determinato periodo di tempo, edita una selezione di immagini in Adobe Lightroom e le unisce con After Effects. “L’unica incognita di solito è il tempo, è difficile da prevedere a volte. Di solito ci vogliono un paio di tentativi prima di ottenere un intervallo di tempo finito. A volte questo può essere un processo rapido, ma spesso ci vogliono un paio di giorni per ottenere la perfezione.


Since 2013, photographer and motion graphics professional Dan Marker-Moore has tracked the passage of time in cities around the world through gorgeous Time slices, collages created by digitally merging dozens of individual photos captured minutes and even hours apart. With each strip representing a different point in time, the beautifully graphic images illustrate the transition from day to night through gradients, subtle motions, and the flickering of city lights as darkness falls. Marker-Moore uses a tripod and a lot of patience to document beautiful cityscapes, the gorgeous colors of a setting sun, or the rising moon.

I’ve done enough where I can stand in a location and visualize what a time slice in a location will look like“, Marker-Moore explaines. Often capturing up to 1,000 photos in a set period of time, he edits a selection of images in Adobe Lightroom and splices them together in After Effects. “The only curveball is usually the weather; it’s hard to predict, sometimes. Usually it takes a few tries before I get a time slice finished. Sometimes this can be a quick process, but often it takes a few days to get right.

Shanghai. 64 photos. 1 hour 20 minutes.
Shanghai. 64 photos. 1 hour 20 minutes.
Tokyo. 56 photos. 4 hours 59 minutes.
Tokyo. 56 photos. 4 hours 59 minutes.
Shanghai. 65 photos. 1 hour 53 minutes.
Shanghai. 65 photos. 1 hour 53 minutes.

 

In tre anni, Marker-Moore ha creato intervalli di tempo di Los Angeles, New York, Shanghai, Hong Kong, Londra, Amsterdam, Tokyo, Chicago e Toronto, tra le altre metropoli. Per ogni nuova città che visita, gli piace catturare un time-slice, il suo modo di conservare la memoria un altro luogo visitato. “Sono attratto da paesaggi urbani”, ha detto. “Sono eccellenti per gli intervalli di tempo, come la luce del sole si affievolisce, le luci della città si accendono.” I risultati sono una rappresentazione magica di tempo consolidati in un fermo immagine che passa.


Three years in, Marker-Moore has created time slices of LA, NYC, Shanghai, Hong Kong, London, Amsterdam, Tokyo, Chicago, and Toronto, among other metropolises. For each new city he visits, he likes to capture a time slice—his own way of preserving the memory of another place traveled. “I am attracted to cityscapes,” he said. “They make for excellent time slices; as the sunlight dims, the city lights turn on.” The results are a magical representation of passing time consolidated into one still image.

Los Angeles. 72 photos. 1 hour 58 minutes.
Los Angeles. 72 photos. 1 hour 58 minutes.
Hong Kong. 150 photos. 56 minutes.
Hong Kong. 150 photos. 56 minutes.
Singapore. 32 photos. 1 hour 15 minutes.
Singapore. 32 photos. 1 hour 15 minutes.

More info and photo credits on: DanMarker-MooreOfficialSite

Precedente HUMANS SINCE 1982 - A MILLION TIMES Successivo FOCUS ON: SARA MORAWETZ - 61/60